Rispondi a: Restauro Phantom Manor

Created with Sketch.

Home ll Resort Lavori e Rehab Lavori e Restauri Disneyland Park Restauro Phantom Manor Rispondi a: Restauro Phantom Manor

#4105
G&G Aurora
Amministratore del forum
Amministratore del forum
      • Offline
      • @wp_9384633

      Dettagli sulla ristrutturazione di PHANTOM MANOR

      Facciamo un piccolo punto sullo stato di avanzamento del lavoro di Phantom Manor. In particolare ci concentreremo su qualcosa di specifico e più tecnico rispetto al solito, vale a dire la presenza di amianto nell’edificio.

      Il ritardo del cantiere è direttamente correlato alla presenza di amianto nell’edificio? Probabilmente…

      Abbiamo letto un tweet affermando che l’amianto è presente in “quantità nei limiti di legge. Si deve sapere che oggi ‘, non esiste un limite legale, quindi questa informazione è errata.

      Articolo della legge 8 agosto 2016 lavorare, ha introdotto una nuova regola che consiste nel trovare la presenza di amianto prima di iniziare qualsiasi lavoro su materiali (qui come parte della ristrutturazione del Palazzo e dietro le quinte).

      Il decreto del 9 maggio 2017, essa impone necessariamente una diagnosi prima del lavoro.

      Il trattamento di amianto presente “tolleranza” sui cosiddetti “non-friabile” e materiali non degradati (anche se il disegno di legge è ancora soggetto a modifiche nel prossimo futuro) come le piastre sul tetto (tipo fibro-cemento) o discesa in un tubo (pioggia acqua o acqua delle acque reflue) dove le modifiche nell’edificio non li riguardano. In altri casi l’amianto dovrà essere trattato ed evacuato.

      Basato su questa osservazione, si dovrebbe intendere che l’amianto può essere presente nei suoli in PVC, in controsoffitti, in isolamento, negli adesivi delle mattonelle della parete, ecc. Basti dire che quasi ovunque o quasi in un edificio in età di Phantom Manor.

      Si rischia una qualsiasi contaminazione? La risposta è no, purché i materiali diventano non volatili (che non è più il caso nella fase di lavoro dove l’importanza di amianto), e l’esposizione durante la corsa è “abbastanza lungo”.

      L’individuazione prima di lavoro deve essere fatto su richiesta dell’amministrazione aggiudicatrice (qui Disneyland Paris) e può essere completato durante il lavoro, non appena le aree diventano accessibili (quindi è possibile che tutte le aree non sono state identificate dall’inizio).

      Non appena l’amministrazione aggiudicatrice effettua una richiesta a un organo specializzato, lo svolgimento dei compiti impiega circa i seguenti orari (non è una scienza esatta, ma alcuni ritardi sulle esperienze di costruzione del vostro cronista): 15 giorni a 3 settimane per rendere le osservazioni visive alla settimana più per fare i campioni dei materiali 15 giorni a 3 settimane per condurre il laboratorio analizza una settimana in più per la consegna della relazione finale, allora possiamo immaginare che, alla luce delle l’importanza del lavoro.

      Da lì, i ritardi vengano con: presentazione di un ‘piano di ritiro’ (questo è il documento in cui la società ha spiegato la metodologia di rimozione e trattamento dei materiali contaminati) dalla società per organizzazioni quali l’Ispettorato del lavoro, che può prendere 1 o 2 settimane per effettuare analisi da tempo record, con un periodo legale di 6 settimane prima dell’accettazione.

      In breve, capirete che una rimozione dell’amianto può richiedere diversi mesi, senza consentire l’intervento di società allo stesso tempo (è ovvio che se l’amianto è presente nel soffitto non possiamo lavorare sulle luci sotto), e a oggi non ha senso per Disneyland Paris non  comunicare  una data certa per la riapertura dell’ attrazione!

      Tuttavia, anche se questi elementi sono un grosso problema sin dall’inizio del lavoro, le squadre tecniche hanno anche problemi con nuove tecnologie applicate nel maniero.

      • Questa risposta è stata modificata 5 anni, 1 mese fa da G&G Aurora.