G&g Winter in Wonderland Febbraio 2018

Home Paperopoli Il vostro viaggio a Disneyland Paris G&g Winter in Wonderland Febbraio 2018

  • Questo topic ha 0 risposte, 1 partecipante ed è stato aggiornato l'ultima volta 16/11/2018 at 22:41 da G&G Aurora.
Visualizzazione 0 filoni di risposte
  • Autore
    Post
    • #3695
      G&G Aurora
      Amministratore del forum
      Amministratore del forum
        • 492"Argomenti"
        • 862"Messaggi"
        • 1 354"Totale"
        • Offline
        • @wp_9384633

        Cominciamo col dire che la nostalgia dal nostro ultimo viaggio è troppa quindi per mettere altra ciccia al fuoco stavolta ho deciso di fare una sorpresa ad Aurora per festeggiare il suo compleanno l’8 febbraio al parco con questa prenotazione improvvisa.
        Come al solito nelle mie prenotazioni faccio sempre qualche guaio, stavolta un po piu consistente…
        Era da qualche tempo che seguivo la super offerta inglese che oltre a risparmiare con l’ acquisto in sterline mi offriva la mezza pensione + il 25% di sconto + un buono di 100 € da spendere in negozi o ristoranti l’offerta scadeva il 15 novembre a mezzanotte, per vari motivi avevo sempre rimandato la prenotazione, fino a quando l’ultimo giorno a 10 minuti a mezzanotte mi sono deciso e ho prenotato on line e fin qui tutto ok, se non che all’ultimo passaggio per la convalida della carta di credito mi ha dato errore 404
        Per me la prenotazione non era andata a buon fine, mancava sempre meno alla scadenza e per non perdere l’offerta ho ritentato a prenotare e stavolta a soli due minuti dalla scadenza la transizione va a buon fine…
        Vado a controllare la mail per vedere se è arrivata la conferma e sorpresa mi ritrovo con 2 prenotazioni…
        All’indomani chiamo subito il call center e per fortuna con l’operatore risolviamo il problema annullando una delle 2 prenotazioni e senza penali visto che era lampante anche per loro che si trattava di un grossolano errore, l’unica pecca è che il rimborso arriverà entro tre settimane quindi dopo la fine del mese cosi dovrò coprire io l’importo sulla carta di credito…
        quindi partenza il 6 febbraio e rientro il 9 febbraio
        per l’Hotel abbiamo scelto il DH che per noi è diventata una droga e anche perchè essendo più vicino al parco con il freddo di febbraio è più comodo e anche perche esendo il compleanno di aurora sarà più magico…e proverò a mandare un’altra volta la mail per vedere se mi accontentano con la mia stanza ormai preferita la 1430

        per la compagnia aerea stavolta abbiamo fatto tutto con air france da firenze trovando un buon prezzo circa 370 a/r per tutti e 3

        per il transfert dall’aeroporto volevamo cambiare e invece di prendere la scintillante navetta rossa vorremmo prendere uno shuttle per confondere ancora di più le idee ad aurora così capirà dove siamo solo davanti al DH

        Eccoci qua a 24 ore esatte dal rientro in italia, come prima impressione è stato più che un viaggio nel mondo magico un’avventura, come mai avevo vissuto, ed a renderlo tale sono stati tanti imprevisti e piccoli problemi che piovevano su tutto quello che facevamo, ma la cosa più assurda è stata che tutte queste cose che sono successe non hanno minimamente turbato lo spirito magico della vacanza anzi in qualche modo l’hanno resa ancora più interessante e divertente, tant’è che al ritorno io e mia moglie ci siamo guardati e abbiamo pensato la stessa cosa, che sicuramente è stata la vacanza più strana a disneyland mai vissuta, ma allo stesso tempo la più stravagante e emozionante di sempre il tutto nello scenario fantastico di una disneyland innevata come mai avevo visto, un vero mondo dove magia e natura si sono fuse per creare uno spettacolo da lasciare senza fiato.

        Date le nostre precedenti visite al parco in periodi invernali, sapevamo a cosa andavamo incontro e per affrontare le avversità metereologiche, sapevo che dovevamo essere in piena forma.
        Se non fosse stato perchè era il compleanno di Aurora mai avremmo intrapreso questo viaggio in questo periodo glaciale, ma col senno di poi ce ne saremmo anche pentiti di non esserci stati dopo che abbiamo avuto la fortuna di ammirare il parco sotto questa veste innevata sembrata uscire da un vera fiaba Disney….
        Mano a mano che si avvicinava il giorno della partenza le condizioni di salute di Aurora miglioravano molto lentamente, tra un aerosol e altri rimedi ci preparavamo all’idea di dover spostare il viaggio senza avere un piano di riserva…
        Ma la magia e la fortuna nella sfortuna che ci ha accompagnati per tutto il viaggio cominciava a funzionare e 2 giorni prima di partire la febbre era scomparsa e si notava un netto miglioramento.
        Arriva il gran giorno, la salute è a posto il meteo su firenze è buono, ma una sorpresa ci attende al risveglio, suona la sveglia e Giovanna mi avverte che il nostro volo è stato CANCELLATO …
        Subito mi preoccupo e non poco, penso al daffarsi ed a valutare tutte le ipotesi, mi collego alla posta elettronica e leggo una mail di Air France che mi comunica che il volo era cancellato da Firenze alle ore 9:45 e spostato su Bologna alle 11:50.
        Nella preoccupazione comincio a valutare le ipotesi per raggiungere Bologna in tempo con i vari mezzi treno ecc… collegandomi ai vari siti, quando Giovanna mi dice di fare la cosa più ovvia, chiamare l’aeroporto…. , per fortuna rispondono e mi dicono comunque di recarmi all’aeroporto di Firenze per fare il check in all’orario originale , che poi avrebbero provveduto loro ad organizzare una navetta per Bologna , sembra fatta ma…..
        Arrivati all’aeroporto il check in scorre liscio e ci avvisano che la navetta dovrebbe partire per le 9:00 quindi in orario per prendere l’aereo da Bologna alle 11:50
        Aspettiamo e il tempo passa, passano le 9, passano altri 10 minuti, passano altri 30 minuti e la navetta non arriva nel frattempo vengo a saper che Air France non poteva atterrare su Firenze per un guasto al radar dell’aeroporto e i loro veivoli non hanno un dispositivo che gli permette di farlo senza
        Dopo un pò mi reco all’ufficio info, e mi assicurano che sta per arrivare la navetta e che comunque l’aereo ci avrebbe aspettati una volta a Bologna anche perchè eravamo una cinquantina di passeggeri ….
        Sono le 10 e finalmente arriva la navetta, un pò antica ma va bene l’importante era partire….
        Ci avviciniamo a Bologna e sono quasi le 11:00 e non so come saremmo potuti riuscire a prendere l’aereo in tempo
        Arrivati al check in vediamo sul display che per fortuna o sfortuna il volo partiva con un ritardo di 1 ora , quindi i nostri piani andavano a monte di arrivare al Disneyland Hotel per le 13:00 come da programma iniziale e il tutto prima slittava alle 14:30 poi alle 15:30, mentre aspettavamo l’orario dell’imbarco avviso più volte Taxi For You dei vari cambiamenti di orario di arrivo, e tutte e 3 le volte mi rassicuravano che non ci sarebbero stati problemi, devo dire servizio eccellente, mano a mano si avvicinava l’orario della partenza sul display appare un’ ulteriore ritardo di 1 ora e poco dopo altri 50 minuti riavviso ulteriormente Taxi For You, per fortuna per l’ultima volta perchè alle 14:45 riusciamo ad imbarcarci e dopo un volo molto ma molto turbolento alle 16:00 atterriamo su Charles De Gaulle in mezzo ad una distesa di neve glaciale
        ci dirigiamo al ritiro bagagli, sembrava che la sfortuna ci avesse abbandonati ma…..
        arriva la prima valigia la più piccola e la metto da parte per far posto sul carrello a quelle più grandi….
        oltre alle valige arriva anche un bel mal di pancia, stress….? , schifezze varie ingozzate sull’aereo…? , facciamo veloce a caricare tutte le valige, e mi reco al bagno, tutto questo e la stanchezza porteranno alla perdita della valigia più piccola quella messa da parte all’inizio per far posto a quelle altre più grandi ma la cosa più triste era la perdita del contenuto, dove c’erano tutti i medicinali anche quelli di Aurora, il suo DUMBO preferito e 12 bottiglie di acqua che mi sono costate una fortuna al parco….. … ma di tutto questo ce ne siamo accorti solo una volta arrivati in hotel ricostruendo con foto e video tutto l’accaduto…
        Sbrigata la pratica bagno ci rechiamo verso l’uscita del terminal nella zona taxi ma non c’è nessuno ad attenderci con il cartello con il nostro nome , ma mentre stavo chiamando Fabrizia la nuova referente al posto di Cesare, arriva Ignatio che ci riconosce e ci chiama …
        Il più sembra ormai passato, sono le 17:00 e siamo sulla strada per Disneyland orario di arrivo previsto per le 18:00 al massimo ma proprio, mentre facevo un pensierino di arrivare in tempo almeno per Illumination, rimaniamo fermi in un mega ingorgo autostradale con la neve che cadeva a fiocconi e le macchine che slittavano a destra e a sinistra, ma io dico le catene…?
        Va beh si fa sempre più tardi, Illumination salta, nel frattempo mi scrivo con Enzo almeno per riuscire a fissare la cena con Daniele all’Invention, almeno quella, ma vedendo la situazione con le macchine che invece di andare avanti andavano indietro e facevamo un km ogni 15 minuti la vedevo dura….
        Da prima avevo paura di non riuscire ad arrivare per cena e poi di non riuscire più ad arrivare nemmeno per dormire…. , almeno l’acqua ero convinto di averla nella valigia PICCOLA, per passare la notte, vestiti vari per coprirsi c’erano ed eravamo usciti dall’autostrada ed eravamo vicino ad un centro abitato, e alla peggior delle ipotesi un rifugio lo avremmo trovato fiondandoci in casa di qualcuno, ma mentre stavo pensando a cosa dire ai proprietari di casa nel caso ce ne fosse stato bisogno , la situazione un pochino si sblocca e km dopo km controllando ripetutamente google maps mi accorgo che siamo a circa 4 km dal resort, Ignatio di colpo svolta a sinistra come se dovesse prendere una scorciatoia, era molto buio e questa mossa non si rivelò molto azzeccata perchè dopo pochi metri davanti a noi c’era una piccola salita piena di ghiaccio e neve e invece di andare avanti le ruote slittavano indietro, non so come ma il grande Ignatio riesce passettino passettino ad andare avanti e tornare sulla via principale, anche questa era passata.
        Lo scenario davanti a noi era glaciale con macchine rigirate e neve ovunque ma intrepidi avanziamo verso la meta a circa 10|20 km orari, quando mi venisse un colpo vediamo dapprima il cartello del Santa Fè e dopo poco quello del Disneyland Hotel….. , il più e il peggio ormai erano passati scrivo ad Enzo che riusciamo ad essere all’Invetion per cena perchè sono le 20:30 e siamo davanti all’hotel ….

        Al nostro arrivo ci accorgiamo che purtroppo nel caos del viaggio ci siamo scordati la piccola valigia rossa in aeroporto con il dumbo di Aurora e le sue medicine, ed a questo abbiamo risolto comprando un’altro peluche di dumbo simile e per fortuna non abbiamo avuto bisogno di usare alcun tipo di medicinale, la valigia in seguito l’abbiamo ritrovata il giorno della partenza con tutto il suo contenuto in aeroporto girando mezzo terminal F, l’avevamo lasciata vicino ai nastri ed era stata presa dalla vigilanza, nel seguire tutto l’iter dell’ operazione di ritrovamento della valigia e l’attesa della consegna per poco non ci fa perdere il volo di ritorno….
        Un’altra mossa azzeccata è stata quella di prolungare il soggiorno di un giorno visto che il primo era volato per raggiungere il resort…
        l’indomani dell’arrivo mi balza quest’idea in testa e studiando come fare durante un riposino in camera dopo pranzo chiedo consiglio a Enzo che mi invia qualche preventivo, la cosa principale da fare prima era riuscire a farsi spostare gratis la partenza, chiamo air france e gli spiego quello che era successo il giorno prima, del volo cancellato e dei molteplici ritardi e devo dire molto cortesemente mi spostano il volo al giorno dopo pagando solo 30 € per i bagagli colgo al volo l’offerta e confermo, ora rimaneva solo di strappare un buon prezzo su una notte in più in hotel, che come ben sapete non è facile da fare 2 giorni prima, sui vari mercati non c’era niente a meno di 700€, potevamo cambiare hotel ma non c’era tutta questa convenienza, quando mi ricordo che all’arrivo alla reception mi proposero uno sconto del 20% qualora ci saremmo fermati una notte in più, mi reco subito alla reception e purtroppo non c’è l’ombra di un CM italiano,
        cerco di spiegare tutta la situazione in inglese dei disagi e del resto e gli dico da buon commerciante che mi era stato proposto uno sconto del 30% anzi che del 20, al che la ragazza accetta la proposta e mi fa un prezzo molto buono rispetto a quello dei mercati circa 500 €, facendo gli occhi da cucciolo abbandonato riesco a strappare anche la colazione all’invention, devo dire che la differenza disney si paga ma ne vale la pena , disponibilità super, accetto l’offerta e confermo era fatta adesso non rimaneva che rilassarsi e godersi il resto della vacanza…
        questa scelta di rimanere un giorno in più fu molto azzeccata perchè il giorno prima non saremmo potuti partire per i voli cancellati causa mal tempo…
        il giorno dopo non so come riesco a perdere i biglietti di ingresso mal di poco perchè sostituibili, una volta alla reception per prendere i duplicati la ragazza mi spiega che i biglietti sono validi per 4 giorni di ingressi e siccome il giorno dell’arrivo cioè il martedi non erano stati usati potevamo usarli il mercoledi, il giovedi, il venerdi, e il sabato che era il giorno in più quindi non solo avevamo una notte in più ma anche la colazione e gli ingressi, invece purtroppo non era cosi perchè comunque sia il quarto giorno dei biglietti era il venerdi ed in quella data scadevano, la CM si era sbagliata alla grande, di questa cosa per fortuna me ne accorsi parlando con un altro CM il quale mi diceva anche che loro non potevano fare niente, e neanche l’acquisto della notte in più aveva incluso i biglietti, per scusarsi dell’accaduto e delle info sbagliate che mi erano state date mi regalano una cena premium e dei gadget per Aurora, e mi dissero che gli unici che potevano fare qualcosa per gli ingressi erano i CM alla biglietteria il giorno della partenza. devo dire che anche stavolta si sono dimostrati molto comprensivi e disponibili tantè che ci regalarono dei fast pass che comunque non avremmo potuto usare perchè non avevamo gli ingressi…
        alla fine comunque alla biglietteria se pur con qualche difficoltà spiegandoli tutta la storia e facendoli capire che noi comunque non avevamo usufruito dei biglietti il primo giorno e che ce ne spettavano 4 di giorni riusciamo anche in questa difficoltà ritrovandoci alla fine con una notte in più, una colazione, una cena, gli ingressi, i fast pass e alcuni gadget il tutto per 500€ circa , non male, addirittura qualcosina in meno per un giorno di quello che spesi da casa quando prenotai la vacanza con il pacchetto 25% + MP
        ma tutto questo oltre che avere un prezzo monetario ha avuto un prezzo della sorte, perchè il giorno del compleanno eravamo super organizzati all’invention per una festa con i fiocchi e con mille dispositivi di ripresa , telefoni, videocamera e macchina fotografica e ci accorgemmo col senno di poi che nessuno di loro ha funzionato nel momento della consegna della torta e della canzone happy birthday un vero dramma anche perchè era il motivo della vacanza ed il video in questione che non funzionò fatto con la videocamera niente di meno era il numero 1-13….

        Altra disavventura E questa me la sono cercata, perchè il TGV dal village partiva per CDG alle 14:30 anzi che alle 15:30 come pensavo e me la stavo prendendo comoda sotto il sole dopo tanti giorni di neve, in central plaza davanti al castello quando Giovanna mi fa notare che sono le 13:50 e dovevamo ancora andare in hotel a prendere i bagagli dirigerci a piedi verso il village fare il check in dei biglietti del treno e partire ma quest’ultima operazione si rivela molto complicata perchè una volta in stazione, e raggiunto la macchinetta per il ritiro dei biglietti gia fatti on line il giorno prima, la carta di credito che usai per pagarli e per pagare tutte le spese al resort decide di smagnetizzarsi senza alcun rimedio, decido di cercare la biglietteria che preso dall’ansia non riesco a trovare anche perchè mancavano 5 minuti alla partenza, vado a chiedere info al bar e per fortuna i baristi erano calabresi e mi spiegano dove andare e che la biglietteria era dall’altra parte della stazione, prendo famiglia e bagagli e corriamo, ma
        anche alla biglietteria non riusciamo a risolvere il problema con nessun tipo di carta, a quel punto manca solo un minuto alla partenza al che mando a quel paese il sistema e tutto il resto e ci fiondiamo di sotto per prendere il treno, giusto per un pelo perchè qualche secondo dopo il nostro ingresso al suo in terno le porte si chiudono, decidiamo di restare li in mezzo al corridoio con i bagagli senza cercare il posto e la carrozza tanto pagare avevo pagato e la mail di conferma l’avevo e dopo tutto erano solo 10 minuti di viaggio….
        come se non bastasse ci sono stati anche problemi al chek in per l’imbarco delle valige, tanto che è dovuto intervenire il direttore del terminal per risolvere il problema…per fortuna anche questo volo partiva con 20 minuti di ritardo…

    Visualizzazione 0 filoni di risposte
    • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.